ItalianoEnglishDeutsch        
Home Page Informazioni Turistiche Conoscere Grado News ed Eventi Raggiungere Grado
Conoscere Grado Home > Conoscere Grado > La storia
 
news
Il destino di Grado fu di nascere e vivere in relazione alla piu' grande e piu' antica citta' di Aquileia.

Grado nacque infatti come parte estrema del sistema portuale di Aquileia, come primo scalo per le navi che dall'Adriatico per giungere ad Aquileia dovevano risalire il corso del Natisone,
che parzialmente avvolgeva la grande metropoli altoadriatica e le offriva difesa in caso di pericolo ma anche facile collegamento verso il mare.

Il Natisone infatti ben piu' ricco d'acque dell'attuale Natissia, che scorre pressapoco nel letto del Natisone antico, giungeva anticamente al mare e probabilmente si ramificava attraversando la bassa campagna per confondersi con la laguna.

Attila Attila
è certo che a Grado si rifugio' la popolazione di Aquileia guidata dal vescovo Secondo o da Niceta, quando la...
I due Patriarcati I due Patriarcati
Nel corso dei secoli la forza e il fascino di Venezia offuscarono profondamente l’importanza di Grado. Ma durante...
Il Declino Il Declino
La caduta del regno longobardo per opera di Carlo, re dei Franchi, si accompagna alla maturazione del potere ducale di Venezia.Grado dall’ottavo secolo in poi è solamente una larva prestigiosa di cui si servono i politici per i loro disegni di egemonia.Il concilio di Mantova (827) sentenzio' la fine del patriarcato di Grado, il quale pero' non si estinse del tutto ma si identifico' sempre più con gli interessi di Venezia. Il castello di Grado continuo' a dimostrare la sua efficienza in occasione di assalti che pertivano dalle coste orientali dell’Adriatico da parte di Slavi e Saraceni.Ma per secoli ormai Grado non sara' più al centro di vicende di qualche rilievo. Qui rimaneva, quasi a compensare la mancanza del patriarca, il conte provveditore, che rappresentava l’autorita' centrale e che era scelto tra i membri del Maggior Consiglio.Grado dal '400 in poi è un borgo marinaro con una popolazione anche al di sotto dei 2000 abitanti e con una vita chiusa entro pochissimi interessi al di fuori di quelli che richiede la pesca. Un borgo che vive di ricordi sempre più sfumati ma anche troppo grandi per la vita attuale, Grado si affaccia all’eta' contemporanea come un borgo veramente isolato, con sue tradizioni peculiari, con suoi ordinamenti e con una parlata che riflette un'arcaica e nobilissima cultura.
L’epoca moderna L’epoca moderna
Dal 1815 Grado fece parte dell’impero asburgico e, legata dal punto di vista amministrativo piuttosto alla contea...